Forse avrete già sentito parlare di circuit training, allenamento a circuito, o magari vi avete già preso parte, ma se non siete sicuri se i vantaggi di questi programmi si applichino anche a voi e ai vostri obiettivi, allora è il momento di approfondire la questione.
La caratteristicha dell’allenamento a circuito consiste proprio nel non essere caratterizzato da esercizi specifici, piuttosto nella modalità di esecuzione. Questa essenza piuttosto astratta dei circuiti si traduce in un ampio spettro di possibilità: con routine che possono includere solo esercizi di resistenza o cardio, combinazioni di entrambi,  o altri, che si concentrano su specifiche abilità atletiche, come potenza, agilità e la resistenza nel mix di esercizi.

Gli allenamenti circuito possono essere definiti come una serie di esercizi da eseguire rapidamente uno dopo l’altro intervallati tra loro con brevi tempi di riposo, se previsti.

Il circuito è formato tipicamente da 5 o 10 stazioni e può cosiderarsi chiuso quando l’utente le ha completate tutte almeno una volta. Qualunque sia la forma che assume, la costante è l’efficienza: lasciare poco tempo o addirittura nessun intervallo tra le stazioni permette di mantenere la frequenza cardiaca costantemente alta, migliorando allo stesso tempo la risposta muscolare. Tutto questo può essere raggiunto in sessioni brevi, anche solo di 30 minuti ciascuna, o anche meno. Non c’è da meravigliarsi che hanno generato così tanta attenzione, con comprovati vantaggi che li rendono interessanti per molti.

I VANTAGGI DELL’ALLENAMENTO A CIRCUITO

Di seguito, alcuni dei molti vantaggi che hanno determinato il successo di questa formula.

Sorprendentemente veloce ed efficace. In un mondo frenetico dove il lusso autentico è “avere del tempo a disposizione”, avere la possibilità di contenere la durata del nostro allenamento senza perderne i vantaggi è sicuramente un grande plus per un molte persone che non possono trascorrere ore in palestra. Un allenamento a circuito può infatti adattarsi facilmente alla durata di una pausa pranzo.

Non è mai ordinario. Dopo qualche tempo in palestra è possibile che a un certo punto si sperimenti noia e perdita di motivazione. L’allenamento a circuito spezza la routine, spostarsi rapidamente da una stazione all’altra, variando esercizio mette alla prova il fisoco, sfida il corpo su vari fronti, rendendo divertente lo sforzo e l’attività fisica.

Brucia calorie dopo l’esercizio fisico. Riducendo i tempi di riposo tra un esercizio e l’altro, si riduce rapidamente il sistema energetico del corpo, che dovrà quindi spendere più calorie per ricreare l’equilibrio (spesso noto come effetto post-burn, o EPOC: Excess Post-Workout Oxygen Consumption, consumo eccessivo di ossigeno dopo l’allenamento). A seconda del livello di allenamento e delle condizioni fisiche, l’effetto può durare fino a 48 ore, continuando a consumare calorie in più anche a riposo.

Forza muscolare. Questi allenamenti non-stop sono molto efficaci per i principianti che vogliono costruire una base muscolare in breve tempo; gli atleti possono raggiungere un tono muscolare migliore e una maggiore resistenza, possono aiutare a combattere la diminuzione del tessuto muscolare nel corso dell’invecchiamento. I pesisti possono anche eseguire circuiti con esercizi mirati per il condizionamento del corpo.

Resistenza cardiovascolare: l’aumento del consumo aerobico, la resistenza e la capacità di sopportare lo sforzo fisico per periodi più lunghi sono effetti comprovati di un impegno costante in questo tipo di allenamenti.

Composizione corporea. I circuiti sono metodi collaudati per ridurre la massa grassa a vantaggio della massa magra, fornendo così risultati che faranno sentire meglio e dureranno più a lungo nel tempo.

I programmi a circuito non sono una novità, anzi sono utilizzati da decenni, il che li rende un’idea collaudata con un numero infinito di esercizi applicabili. Con così tanti vantaggi, non dovrebbe sorprendere la conquista senza sosta di nuovi fan ogni giorno. Dimentichiamo la popolarità di questa tipologia di allenamento per un minuto, e continuiamo a leggere per scoprire se questi benefici possono soddisfare anche le nostre esigenze.

News